I Ggiovani

28 06 2010

“Sono giovani.. se la caveranno..”

Qualche giorno fa, così di passaggio, ho ascoltato un frammento di colloquio tra due signore a bordo piscina. Le vacanze sono ben lontane dal cominciare ancora, ma ero riuscito a beccare una mezza giornata di sole (il mare era una fetecchia, ma almeno c’era il sole..).

E così ho ascoltato sta frase che mi ha fatto un po’ riflettere. Non so bene quale fosse l’inizio della conversazione, ma suppongo si parlasse di una giovane coppia un po’ in difficoltà. E una delle signore diceva all’altra “Sono giovani.. se la caveranno”.

Ora, vorrei dire che a dispetto di quanto si possa pensare comunemente, non credo che esser giovani, di per sé, sia un pregio o quantomeno un sicuro elemento di forza.

Almeno non nell’Italia di oggi.

E’ un elemento di forza avere studiato, avere un lavoro, avere voglia di fare e creare, non abbattersi. E’ un elemento di forza avere un po’ di soldini e magari anche essere carini.

E’ un elemento di forza avere buone amicizie e trovare uno spazio per lo svago e la riflessione personale in questo periodo in cui sembra si debba sempre correre di qua e di là.

Ma essere giovani non vuol dire essere per forza più forti. O più creativi. Non è che uno se è giovane se la cava più facilmente in quanto è giovane.

Soprattutto in una società in cui non va in pensione nessuno. In cui i posti di comando sono mantenuti saldamente da chi ha ben più di 60 anni.

Non voglio dire che esser giovani è una sfiga, ma certo non è nemmeno sta gran festa, a dirla tutta.

Ecco.